Grazie a tutti voi!

Otto mesi di lavoro. Sei incontri serali, di cui quattro dedicati alle “questioni del nostro tempo” e due ai “luoghi della democrazia”. Un seminario internazionale di tre giorni con giovani provenienti da tutta Europa. Un viaggio a Torino per più di trenta ragazzi in occasione di Biennale Democrazia. Almeno trecento persone coinvolte, principalmente giovani ma anche molti adulti che si sono volentieri confrontati con noi.

Questi sono solo alcuni numeri dei Percorsi di Democrazia, che si concludono qui. Quello che conta sono però le persone che hanno dato vita a questo progetto. E vale la pena di ringraziarle una ad una per la loro sconfinata disponibilità.

Il primo ringraziamento va ai venticinque relatori che ci hanno accompagnato nel corso di questi mesi. Eccoli, in rigoroso ordine alfabetico: Philipp Agathonos, Donata Borgonovo Re, Federico Brunelli, Federico Butti, Ettore Di Cesare, Alessia Donà, Michele Geraci, Liisa Liimatainen, Zouhir Louassini, Sarantis Michalopoulos, Paolo Michelotto, Annalisa Milani, Carlo Maria Palermo, Franco Panizza, Francesca Panzarin, Diego Quaglioni, Oliver Soto Sainz, Alessandra Spalletta, Franco Spoltore, Eleonora Stenico, Giorgio Tonini, Sandro Trento, Augusto Valeriani, Paola Villa e Massimo Zortea.

A loro seguono poi i moderatori dei nostri incontri: Stefania Carrer, Raffaele Crocco, Guido Collodel, Matteo Fanton, Veronica Lunelli, Marta Romagnoli, Alexia Ruvoletto, Davide Sartori, Pietro Scartezzini, Luigi Selmi e Fabio Tognotti.

Un grazie non scontato va agli enti che hanno finanziato e sostenuto questa iniziativa, e soprattutto alle persone che vi stanno dietro: le Politiche giovanili della Provincia e del Comune di Trento con Federica e Nadia, l’Ufficio del Vicepresidente del Consiglio regionale Marco Depaoli con Costanza e la Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

Nel corso di questi mesi abbiamo proficuamente collaborato con il Centro di Documentazione europea della Provincia, l’Ufficio per le Pari opportunità del Comune di Trento, la Fondazione <ahref, la Fondazione trentina Alcide De Gasperi ed il Forum trentino per la Pace ed i diritti umani. Molti degli incontri sono stati possibili grazie alla disponibilità di Bookique – caffè letterario della Predara, ottimamente gestito da Marco e dal suo staff.

Un contributo importantissimo è venuto da tutti i membri di Punto Europa e Gioventù federalista europea, e qui l’elenco dei nomi sarebbe davvero troppo lungo. Ma coloro che devono essere maggiormente ringraziati per la buona riuscita dei Percorsi di Democrazia sono tutti coloro che hanno partecipato ad uno dei suoi incontri o magari a tutti quanti.
Grazie alla loro presenza, alle loro domande e riflessioni, l’obiettivo di questo progetto può dirsi realizzato: abbiamo davvero aperto uno spazio di democrazia giovane e partecipata!

Siamo giunti al termine di questo post (sperando di avere ricordato tutti coloro che lo meritavano!), così come di questo progetto. Siamo però certi che le associazioni e soprattuto le persone che lo hanno animato proseguiranno nel loro impegno pubblico e nella loro formazione al servizio della comunità di cui fanno parte.

Per questo motivo, vi invitiamo a rimanere in contatto con noi: qualche nuovo progetto è già all’orizzonte, e molti altri cresceranno con il contributo di tutti voi.

Questa voce è stata pubblicata in Cosa abbiamo realizzato, Dicono di noi. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.